La fede a 20 anni (4): Portare il proprio ambiente

Se non ti ubriachi non ti diverti? È possibile stare con gli amici in una festa senza bere più del dovuto o senza assumere droghe? Clement, di Parigi, ci dà la sua risposta.

Testimonianze

Sono credente e mi diverto. Vivo la mia fede pienamente e, nello stesso tempo, mi diverto senza problemi. Per me, infatti, fede e svago sono compatibili.

Come mi diverto? È semplice: come gli altri. Mi piace uscire con gli amici, andare in un bar o in un caffè, e chiacchierare.  Da un anno pratico il pugilato, con gli amici. Alcuni sono cattolici, altri no.

Clement, con un amico, mientre si allenano alla box.

Mi appassiona andare in bicicletta e fare footing. Di solito pratico questi sport in un bosco, con i miei amici. Rimaniamo sulle sponde della Senna e facciamo un bagno nel fiume, vicino a Fontainebleau. Beviamo una o due birre e ridiamo abbastanza.

Certe volte i miei amici mi dicono: “Sì, certo, tu sei cattolico, e dunque non ti sai divertire.  La tua vita è strana, strana perché non eccedi mai, non ti abbiamo mai visto ubriaco, o drogato”.

Io, invece, vedo tutto in maniera diversa. Mi diverto come mi piace. Penso addirittura di divertirmi più di loro.

Finita la scuola, alcuni amici mi hanno detto: “Quando vieni a una festa, crei un ambiente particolare. Sai divertirti senza eccedere, senza fare sciocchezze”. Così è stato. Improvvisamente, si sono accorti che è possibile. Quando gli amici me lo hanno detto, questo mi ha aiutato a riflettere.

Mi piace divertirmi come sono e per questo vivo contento. Il mio trucco consiste nel ricordarmi che non è la società che deve dirmi come divertirmi, o convincermi che per divertirmi è necessario esagerare.

Secondo me, lo svago è tale quando uno si pone dei limiti. E in questo mi aiuta la fede: nel fare della mia vita qualcosa di grande. La fede fa parte della mia vita e non sono disposto a separarla dal resto della mia vita.

Chiedi umilmente al Signore di accrescerti la fede. E poi, con nuove luci, giudicherai bene le differenze fra i sentieri del mondo e il tuo cammino d’apostolo.

San Josemaría, Cammino, n. 580