Un neonato che non cresceva

Alle 12,15 ho ricevuto una telefonata di mia moglie, quasi incomprensibile per il pianto, che mi diceva che avrebbero “fatto fuori” la bimba perché i risultati di un esame cardiologico erano stati negativi.

Favori
Opus Dei - Un neonato che non cresceva

Fin dal primo mese era stata una gravidanza ad alto rischio, con riposo assoluto e qualche ricovero. In base agli esami, le aspettative erano poco incoraggianti perché il feto non cresceva e aveva una sola arteria nel cordone ombelicale; i medici ne parlavano come “quella dell’unica arteria”.

Tutti prevedevano malformazioni. Il medico che l’aveva visitata al terzo mese aveva suggerito addirittura “di interrompere immediatamente la gravidanza” perché non era il caso di fare gli eroi. La telefonata mi lasciò di stucco, paralizzato; sono entrato nella prima chiesa che ho trovato: il Santissimo era esposto, ma io non riuscivo a pregare e chiedevo solamente che mia moglie si salvasse.

Ho trovato la novena del Dottor Cofiño e ho cominciato a recitarla: all’inizio pregavo per mia moglie; poi mi sono fatto coraggio e ho pregato anche per la bimba, perché nascesse in qualunque condizione ma viva; più avanti ho cominciato a chiedere che nascesse sana, e al termine della novena non sono andato in ospedale ma ho continuato le mie attività programmate, in segno di fiducia. All’ora della visita ho domandato soltanto di mia moglie; mi hanno detto che si andava riprendendo, che stava bene ma che non potevo vederla.

Non ho avuto il coraggio di domandare notizie del bebè, ma è stata l’infermiera a dirmi che se volevo potevo vedere la neonata, che era assai piccina ma graziosa. Grazie all’intercessione del dottor Cofiño, la bambina era nata senza nessun problema. Mia moglie ha chiesto che le dicessero schiettamente se stava bene e le dissero di sì; allora ha chiesto notizie circa l’arteria unica e allora sono andati a riesaminare il cordone ombelicale: aveva entrambe le arterie.

Ora ogni occasione è buona per raccomandare ai miei amici di affidarsi, nei casi riguardanti la salute, al dottor Cofiño.