San Josemaría Testi del giorno

“Non mancherò mai di praticare la carità”

Non è compatibile amare Dio con perfezione e lasciarsi dominare dall'egoismo o dall'apatia nel rapporto col prossimo. (Solco, 745)

La vera amicizia comporta anche uno sforzo cordiale per comprendere le convinzioni dei nostri amici, anche se non giungiamo a condividerle, né ad accettarle.

(Solco, 746)

Non permettere mai che cresca l'erba cattiva sul cammino dell'amicizia: sii leale.

(Solco, 747)

Un fermo proposito nell'amicizia: nel mio pensiero, nella mia parola, nelle mie opere, riguardo al prossimo - chiunque esso sia -, non mi comporterò più come ho fatto finora: e cioè, non mancherò mai di praticare la carità, non darò mai spazio nella mia anima all'indifferenza.

(Solco, 748)

La tua carità dev'essere adeguata, adattata, alle necessità degli altri...; non alle tue. 

(Solco, 749)

Figli di Dio! Una condizione che ci trasforma in qualcosa di meglio che non in persone che si sopportano reciprocamente. Ascolta il Signore: «Vos autem dixi amicos!» - siamo suoi amici, che, come Lui, danno volentieri la vita gli uni per gli altri, nei momenti eroici e nell'abituale convivenza.

(Solco, 750)