Una breve storia dell’Opus Dei in Svizzera

Nell’ottobre del 1956 arrivarono a Zurigo dall’Italia due giovani per aprire il primo centro dell’Opus Dei nel nostro paese

La storia
Opus Dei - Una breve storia dell’Opus Dei in Svizzera

Nell’ottobre del 1956 arrivarono a Zurigo dall’Italia due giovani per aprire il primo centro dell’Opus Dei nel nostro paese. Già in precedenza il fondatore dell'Opus Dei, San Josemaría Escrivá, aveva fatto diversi viaggi in Svizzera per preparare il terreno. Nel 1964 si sono stabilite a Zurigo anche le donne dell'Opus Dei.

In e da Zurigo il raggio d’azione dell’Opus Dei si allargò sempre più. Nel 1966 il confine linguistico con la parte francese è stato attraversato con l'inizio del lavoro a Friburgo. Il papa Paolo VI incoraggiò personalmente San Josemaría a compiere questo passo. Nel 1975 aprì un centro anche a Ginevra.

Alla fine degli anni ottanta vivevano già a Losanna numerosi membri e cooperatori dell’Opus Dei. Così nel 1991, secondo il loro desiderio, un centro dell'Opus Dei è stato aperto anche lì.

Quanto al Ticino, già a partire dagli anni settanta vi abitavano donne e uomini che erano in stretto contatto con l'Opus Dei. Ma solo nel 1997 vi si stabilì un centro, concretamente a Lugano.

Nel corso degli anni il lavoro apostolico ha toccato una varietà di ambienti. L'idea del senso cristiano del lavoro professionale è stata adottata da professionisti e studenti, e in seguito da numerose famiglie e ‒ attraverso di esse ‒ da molti giovani.

Oggi circa 200 persone appartengono all'Opus Dei in Svizzera, tra cui 12 sacerdoti. La direzione regionale ha già dagli inizi la sua sede a Zurigo.